29 Settembre Set 2017 1556 23 days ago

I protagonisti del Tricolore AIMANC festeggiati a Padova

La cerimonia organizzata dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati presso il Tribunale patavino

Avvocativeneto

Padova - Lunedì 25 settembre si è svolta una speciale cerimonia a Padova: il Consiglio dell'Ordine degli Avvocati ha preparato nella propria sede, situata presso il Tribunale patavino, la manifestazione per festeggiare i ciclisti togati che hanno vinto il titolo tricolore di squadra in occasione della 33^ edizione dei Campionati Italiani di Ciclismo riservata all'Associazione Italiana Magistrati Avvocati Notai Ciclisti (AIMANC) disputati in Toscana e precisamente a Castiglione della Pescaia (Grosseto) dal 3 al 5 giugno scorso.

Le prove tricolori sono state organizzate con la collaborazione dell'Amministrazione Comunale della città toscana guidata dal sindaco Giancarlo Farnetani e del Gruppo Ciclistico Castiglionese capitanato dagli avvocati Daniele Falagiani e Lucia Capaccioli. La ruscitissima manifestazione è stata contrassegnata da una massiccia partecipazione di concorrenti provenienti da tutta Italia e suddivisi per categorie. Nata ufficialmente nel 1998 l’AIMANC, presieduta dal 2015 dall'avvocato bolognese Manlio D'Amico, ha lo scopo di promuovere le attività ricreative e sportive a tutela della salute e tra loro la pratica del ciclismo.

Il presidente dell'Ordine degli Avvocati di Padova, Francesco Rossi, durante la cerimonia ha ricordato, tra l'altro, che Il risultato raggiunto dalla squadra del Foro euganeo "ha contribuito alla visibilità nazionale dello stesso attraverso un impegno sportivo-professionale". La compagine patavina, con i vari rappresentanti della Sezione Ciclismo-Jusport Padova, ha raggiunto l'obiettivo grazie ai risultati complessivi realizzati dagli atleti Fabiola Peruzzo, Stefano Malfatti, Alessandro Gotti, Enrico Poggi, Romano Pampaloni, Federico Forlin, Piergiorgio, Andrea Valerio ed Enzo Conte.

Da sottolineare le ottime prove offerte da Fabiola Peruzzo, al suo primo anno di gare, e dall'inossidabile Enzo Conte che, nonostante abbia annunciato anni fa il ritiro dall’agonismo, non è riuscito ad appendere l'amata bicicletta al chiodo, hanno centrato l'obiettivo di vincere sia la gara a cronometro in salita che quella in linea, aggiungendo in questo modo altre due maglie tricolori alla già ricca bacheca. Quest’ultima, infatti, comprende varie Coppe e Medaglie conquistate in tanti anni di gare amatoriali in Italia.

In rappresentanza dei corridori è intervenuto l'avvocato Enzo Conte - celeberrimo dirigente sportivo nazionale con prestigiosi incarichi nelle varie Federazioni e organismi disciplinari (Figc e Fci) e societari - oltreché presidente del Trofeo Internazionale Grand Prix Città Murata e legale del Calcio Padova per 25 anni (svolto attualmente come socio dello studio Simome Perazzolo). L’avvocato Conte ha quindi esposto i risultati ottenuti da i singoli corridori e dalla squadra che, ha detto: "Hanno saputo coniugare la professione con lo sport, elemento di vitale importanza in qualsiasi contesto sociale e che rende migliore chi lo pratica".

La serata si è conclusa con un brindisi. Tra i componenti del gruppo padovano da ricordare l'attivo impegno degli avvocati Alessandro Gotti ed Andrea Valerio dello "JUS Sport" Padova nel 1° Campionato Italiano Mountain Bike-AIMANC svoltosi domenica 10 settembre a Galzignano Terme (Padova) nella splendida cornice dei Colli Euganei ma anche le sinergie interdisciplinari. Tra loro quella dello scorso 19 febbraio in occasione della partita di basket femminile di serie A1 tra San Martino di Lupari e Torino di serie A1 basket femminile. Iniziativa ideata dagli avvocati Paolo Martelli (ciclista e dirigente delle Lupe Giallo-Nere) e lo stesso Enzo Conte.

Francesco Coppola