25 Marzo Mar 2018 1440 3 months ago

Vernissage della 6^ G.F. Porto Sant’Elpidio

La cerimonia illustrata dalla presenza di Francesco e Ignazio Moser

Gfportosantegidio1

Un’avventura iniziata nel 2013 e che continua sotto il segno della passione e della promozione del territorio: la Granfondo Porto Sant’Elpidio conferma l’importanza di una manifestazione cresciuta e diventata nel tempo un punto di riferimento per il mondo cicloamatoriale del Centro Italia.

E’ un evento che dà centralità al territorio elpidiense e all’entroterra fermano dove gli organizzatori (Gio.Ca. Communications e il comitato promotere de Il Grande Ciclismo a Porto Sant’Elpidio), le istituzioni (in primis l’amministrazione comunale di Porto Sant’Elpidio) e gli sponsor riescono a fare squadra a beneficio dello sport, dell’economia e del turismo locale.

Quella del prossimo 2 aprile (lunedì di Pasqua) è un’edizione pronta a sfondare il muro dei 500 partecipanti e i numeri sono dalla parte degli organizzatori per aver promosso con successo la promozione dell’iscrizione gratuita (sul sito www.kronoservice.it).

Confermato il percorso unico di 130 chilometri in questa sesta edizione: nel raggio di 50 chilometri si passa dal Mare Adriatico ai piedi dei Monti Sibillini toccando strade lontane dal grande traffico e luoghi incontaminati attraversando 19 comuni del Fermano (Porto San Giorgio, Lapedona, Moresco, Monterubbiano, Petritoli, Monte Vidon Combatte, Ortezzano, Monte Rinaldo, Montelparo, Monteleone di Fermo, Servigliano, Belmonte Piceno, Montottone, Monte Giberto, Ponzano di Fermo, Fermo, Monte Urano, Sant’Elpidio a Mare e Porto Sant’Elpidio) ed uno della Provincia di Ascoli Piceno (Montalto delle Marche).

A portare il saluto Nazzareno Franchellucci (sindaco di Porto Sant’Elpidio), Milena Sebastiani (assessore allo sport di Porto Sant’Elpidio), Remigio Ceroni (senatore), Vincenzo Santoni (direttore tecnico dell’organizzazione per conto di Gio.Ca. Communications), Graziano Di Battista (presidente della Camera di Commercio di Fermo), Piero De Santis (presidente del comitato Il Grande Ciclismo a Porto Sant’Elpidio), Giorgio Longhi (titolare dell’azienda Giorgio Mare), Mauro Pieroni (titolare dei marchi Ma.Di. Service, DIMA e Hair Service), Gabriele Vesprini (titolare di Linea Oro), Alessio Antolini (Direttore Commerciale Fintel Gas Luce) e Claudia Cucco (Loriblu) che si sono soffermati sulle molteplici potenzialità di questa manifestazione che vuole ricordare Gigetto De Santis (fondatore del Gambero), Dante Fedeli (artigiano legato al ciclismo) e Vladislao Catini (storico presidente del Gruppo Ciclistico Faleriense scomparso nel mese di gennaio).

Strepitosa conduzione del giornalista sportivo Rai Giorgio Martino ed anche l’accoglienza da parte dello staff di Loriblu per un vernissage della Granfondo che ha colto nel segno con la presenza illustre dei “testimonial” Francesco Moser e Ignazio Moser a raccontare aneddoti sulla loro vita sportiva, sul valore della famiglia, sulla necessità del sacrificio per diventare campione e nel portare avanti il proprio lavoro nell’azienda vinicola di famiglia.

E poi un tuffo nel passato dove la grandezza di Moser senior (273 vittorie su strada in carriera e a tutt’oggi il ciclista italiano con il maggior numero di successi all’attivo) si è unita ai ricordi del figlio Ignazio quando era bambino e vedeva il padre in televisione fino all’attualità con la popolarità acquisita dallo stesso Ignazio (ciclista fino alla categoria dilettanti) e poi come personaggio televisivo dopo la recente partecipazione al Grande Fratello Vip e come ospite di trasmissioni sportive (tra queste la Grande Corsa sulle reti Rai durante il Giro d’Italia 2017).

SITO WEB

Credit fotografico Lanfranco Passarini